Mercoledì 22 Agosto 2018
Venerdì

15
Giugno 2018

Citazione:

Meglio ascoltare il rimprovero del saggio che ascoltare il canto degli stolti. (Qoèlet)

San Vito Adolescente martire

Mazara del Vallo (Trapani), III sec. – Lucania, 15 giugno 303

Non si conosce la sua origine, anche se una "Passio" di nessun valore storico, lo fa nascere in Sicilia da padre pagano e lo vuole incarcerato sette anni perché cristiano.

L'unica notizia attendibile su di lui si trova nel Martirologio Gerominiano, da cui risulta che Vito visse in Lucania. Popolarissimo nel medioevo, egli fu inserito nel gruppo dei Ss. Ausiliatori, i santi la cui intercessione veniva considerata molto efficace in particolare occasioni e per sanare determinate malattie.

Egli veniva invocato per scongiurare la lettargia, il morso di bestie velenose o idrofobe e il "ballo di San Vito". In proposito la leggenda racconta che Vito, da bambino, abbia guarito il figlio di Diocleziano, suo coetaneo, ammalato di epilessia.

Quizzando:

ll lancio del peso è una specialità dell'atletica pesante?


Soluzione al quiz di ieri:

Dall'anca al ginocchio c'è un solo osso?

R: Sì, il femore

Oggi avvenne:


1215: il re inglese Giovanni Senzaterra appone il suo sigillo sulla Magna Charta Libertatum, considerata il primo documento fondamentale per il riconoscimento dei diritti dei cittadini



Dopo la primavera arriva l'estate.. e anche le zanzare!
Zanzare italiane, zanzare tigre, tutti gli anni dobbiamo versare un tributo a questi piccoli insetti succhiasangue... in particolare quest'anno, data la grande abbondanza di piogge che il meteo ci ha regalato fino ad ora, sembra che avremo una particolare abbondanza di zanzare.

Tuttavia, per chi ritiene che prevenire sia meglio che curare, ecco una piccola trappola per zanzare, facile da realizzare, ed ecologica…

  • 1 bottiglia di plastica
  • 200 ml. Acqua
  • 4 cucchiai zucchero
  • Lievito di birra
  • Scotch
  • Cartoncino nero

1. Taglia la bottiglia di plastica, 2 dita prima che inizi a restringersi. Il taglio deve essere il più possibile orizzontale ed uniforme.

2. Fai bollire l'acqua per almeno 10 minuti, in modo da eliminare eventuali tracce di cloro. Poi versa dentro lo zucchero, mescolando fino a che non si sarà completamente sciolto.

3. Quando la soluzione di acqua e zucchero si sarà raffreddata, versala nella metà inferiore della bottiglia.

4. Aggiungi all'acqua il lievito: si svilupperà una reazione chimica che produrrà anidride carbonica (CO2). Questa sostanza, presente anche nel nostro sangue, è ciò che attira maggiormente le zanzare. Per far durare il più possibile la reazione, non mescolare il lievito.

5. A questo punto prendi la metà superiore della bottiglia, capovolgila come un imbuto, e inseriscila nella metà inferiore della bottiglia.

6. Sigilla tutto con il nastro adesivo, e poi rivesti la bottiglia di nero (ad eccezione della faccia superiore). In questo modo le zanzare saranno attratte dalla CO2 che esce dal collo della bottiglia, ma a causa del colore nero non riusciranno più ad uscire dalla vostra trappola.

Per sfruttare al meglio questa trappola, è importante la collocazione:

  • All'interno : in un angolo buio e preferibilmente umido
  • All'esterno : sempre in un angolo, oppure appesa al soffitto, perforando il contenitore
Ogni 2 settimane la trappola deve essere smontata, e ripristinata con una nuova soluzione di acqua-zucchero-lievito






 
Oggi 22 Agosto
Ieri 21 Agosto
20 Agosto
19 Agosto
18 Agosto
17 Agosto
16 Agosto
15 Agosto

Iscrivi alla newsletter di Almanaccodioggi.it