29 Settembre 2020


29
Luglio 2020

Santa Marta di Betania

sec. I

Marta è la sorella di Maria e di Lazzaro di Betania.
Nella loro casa ospitale Gesù amava sostare durante la predicazione in Giudea. In occasione di una di queste visite conosciamo Marta.
Il Vangelo ce la presenta come la donna di casa, sollecita e indaffarata per accogliere degnamente il gradito ospite, mentre la sorella Maria preferisce starsene quieta in ascolto delle parole del Maestro.

L'avvilita e incompresa professione di massaia è riscattata da questa santa fattiva di nome Marta, che vuol dire semplicemente «signora».
Marta ricompare nel Vangelo nel drammatico episodio della risurrezione di Lazzaro, dove implicitamente domanda il miracolo con una semplice e stupenda professione di fede nella onnipotenza del Salvatore, nella risurrezione dei morti e nella divinità di Cristo, e durante un banchetto al quale partecipa lo stesso Lazzaro, da poco risuscitato, e anche questa volta ci si presenta in veste di donna tuttofare.

I primi a dedicare una celebrazione liturgica a S. Marta furono i francescani, nel 1262.

Quizzando:

AMEN è una parola latina?


Soluzione al quiz di ieri:

L'eclissi di luna si può avere solo durante la luna piena?
R: Sì.

Oggi avvenne:


1890: muore suicida Vincent van Gogh, pittore olandese, uno dei talenti più geniali di sempre


Il ventinove luglio

Canzone molto diffusa in tutta l'Italia centro-settentrionale, conosciuta con il titolo "Il ventinove luglio" ma anche "Quando matura il grano". In alcune aree l'incipit "Il ventinove luglio" ha sostituito l'originario incipit "Il ventinove giugno". Alcuni sostengono che questo dipenda dalla data dell'assassinio di re Umberto I avvenuto a Monza il 29 luglio dell'anno 1900 [Castelli - Jona - Lovatto 2005]. Altri sostengono invece che il 29 luglio si riferisca alla data in cui gli austriaci, nel 1916, tentarono un violento attacco nella zona carsica di San Michele - San Marino, causando gravi perdite all'undicesimo Corpo d'Armata [Savona - Straniero 1981]. Secondo un'altra interpretazione, la data riportata nell'incipit cambierebbe da regione a regione a seconda della maturazione del grano: nelle regioni settentrionali il grano matura più tardi e quindi l'incipit si sarebbe modificato in "Il ventinove luglio". Il testo, ricco di doppi sensi, racconta della nascita di una bambina illegittima. Sulla stessa melodia si è diffuso anche il canto "La povera Rosetta" il cui testo si riferisce ad una vicenda della malavita milanese, che vide l'omicidio di una prostituta di nome Rosetta, da parte dagli agenti di questura.

Il ventinove luglio
quando che matura il grano
è nata una bambina
con una rosa un mano.

Non era paesana
e nemmeno cittadina,
è nata in un boschetto
vicino alla marina.

Vicino alla marina,
dov'è più bello stare,
si vede i bastimenti
a navigar sul mare.

Per navigar sul mare
ci vuole le barchette,
per far l'amor di sera
ci vuol le ragazzette.

Le ragazzette belle
l'amor non lo san fare,
noialtri baldi Alpini
ce lo farem provare.

Ce lo farem provare,
ce lo farem sentire,
stasera dopo cena
prima d'andà dormire.








 
Oggi 29 Settembre
Ieri 28 Settembre
27 Settembre
26 Settembre
25 Settembre
24 Settembre
23 Settembre
22 Settembre

Iscrivi alla newsletter di Almanaccodioggi.it